FAQ – domande e risposte frequenti

Additivi a base cristallina

Quale è la differenza tra i vari additivi nella serie Supershield Admix?

La serie Supershield Admix è stata specialmente formulata per adattarsi a progetti di vario tipo e variabili condizioni di temperatura. Supershield Admix 100 è specificamente formulato per le moderne pratiche che incorporano al calcestruzzo additivi come ceneri volanti e scorie. Per la maggior parte di tipologie di calcestruzzo l’addizione di Supershield Admix 100 avrà minimo o nessun effetto sul tempo di presa . Supershield Admix 200 è specificamente formulato per impieghi dove è richiesto un normale o lieve ritardo di presa. Supershield Admix 300 è specifico per l’impiego ove è previsto un ritardo maggiore.

Quando viene introdotto Supershield Admix nella miscela del calcestruzzo?

Supershield Admix viene aggiunto alla miscela di calcestruzzo al momento della mescola. La sequenza delle procedure per l’aggiunta della polvere Admix varia in dipendenza del tipo di operazione e attrezzatura nell’impianto di mescola.

Quale è il rapporto raccomandato di dosaggio per Supershield Admix?

Supershield Admix è aggiunto alla miscela di calcestruzzo secondo un rapporto di dosaggio del 1%  in peso del contenuto in cemento Portland.   Nota: In certe condizioni il dosaggio può essere del 2%, in funzione del tipo di calcestruzzo richiesto.

Supershield Admix può essere usato in calcestruzzo contenente ceneri volanti, micro silicati o scorie di altoforno?

Sì. Supershield  Admix è molto efficace quando usato in moderne composizioni di calcestruzzo che incorporano materiali cementizi diversi (ceneri volanti , micro silicati e scorie di altoforno). Le reazioni che hanno luogo per formare la struttura cristallina sono molto complesse. Durante il processo di idratazione del cemento, gli agenti chimici attivi di Supershield non reagiscono solo con idrossido di calcio e particelle di cemento non idratate, ma anche con vari ossidi metallici e sali minerali, indipendentemente dal tipo di cemento usato. Consultate un rappresentante Supershield per determinare il rapporto di dosaggio per queste formulazioni miste di cemento.

Supershield Admix può essere usato in calcestruzzo contenente altri additivi quali un asciugante o un fluidificante?

Sì.  Supershield Admix è stato usato con successo in miscele di calcestruzzo contenenti una varietà di altri additivi. Tuttavia va notato che l’uso di additivi ritardanti, secondo il dosaggio raccomandato, può causare un ritardo del tempo di presa quando usati insieme a Supershield Admix.. Consultare un rappresentante tecnico di Supershield per assistenza nel determinare quale versione di Admix usare e il rapporto appropriato di dosaggio.

Quale è il tempo di presa del calcestruzzo e la sua forza di resistenza alla compressione quando è addizionato con Supershield Admix?

Il tempo di presa del calcestruzzo è influenzato dalla composizione chimica e fisica degli ingredienti, temperatura del calcestruzzo e condizioni climatiche. Una leggero aumento del tempo di presa può verificarsi usando Supershield Admix. Il ritardo nel tempo di presa dipenderà dalla composizione del calcestruzzo e dal dosaggio di Admix. Il calcestruzzo contenente Supershield Admix può sviluppare più alte resistenze finali rispetto al calcestruzzo normale. Si possono effettuare test di prova nelle condizioni di cantiere per determinare il tempo di presa e la durezza del calcestruzzo.

Esistono limitazioni che possono condizionare le prestazioni di Supershield Admix?

L’uso di Supersheld Admix richiede un contenuto minimo del 10 % di cemento Portland. Ovviamente l’efficacia ottimale  dipende da altri fattori quali lo spessore del calcestruzzo, il contenuto in cemento Portland, se vi sia sufficiente armatura per la resistenza e il controllo di frattura, la qualità nella messa in opera e le modalità di finitura , la sigillatura dei giunti di costruzione, ecc.. Tipicamente Supershield richiede uno spessore minimo del calcestruzzo di 8 cm. e una resistenza del CLS di 20 MPa (3000 psi).

Supershield Admix è disponibile in sacchi solubili?

Sì, in certe regioni Supershield Admix è ora disponibile in sacchi solubili. I sacchi solubili rappresentano un metodo conveniente, facile ed ecologico di addizionare Admix alle miscele di calcestruzzo.

Rivestimenti a base di cristalli

La copertura Supershield può essere applicata al lato negativo di una struttura?

Sì. Nonostante venga applicato come rivestimento, Supershield non sibasa sulla capacità legante superficiale per ottenere il suo effetto impermeabilizzante. Gli agenti chimici presenti nel rivestimento Supershield, per effetto di un processo di diffusione chimica, migrano attraverso i capillari dentro il calcestruzzo, fino a divenire parte integrante della massa del calcestruzzo. Per queata ragione il rivestimento Supershield può essere applicato sia al lato positivo (lato a contatto con l’acqua) che al negativo, anche in presenza di forte pressione idrostatica.

Vi è una preferenza nello scegliere tra il lato positivo e quello negativo?

Generalmente si raccomanda di applicare il rivestimento Supershield al lato positivo (lato a contatto con l’acqua), se accessibile, in modo da assicurare il massimo beneficio. Per le specifiche relative a nuove costruzioni quasi sempre conviene indicare l’uso del rivestimento Supershield sul lato positivo. Nel caso il lato positivo fosse inaccessibile, ad esempio in progetti di gallerie o ricondizionamento di strutture esistenti, il rivestimento Supershield potrà essere usato sul lato negativo, anche in presenza di forte pressione idrostatica.

Il rivestimento Supershield può essere applicata mentre il calcestruzzo è umido?

Si. Infatti il calcestruzzo deve essere umido o bagnato prima che sia applicato il rivestimento in forma di boiacca Supershield. Supershield necessita di umidità per generare la crescita cristallina nel calcestruzzo. La presenza di umidità è anche necessaria per assicurare una buona adesione della boiacca di copertura al substrato di calcestruzzo.

Supershield può essere usato in presenza di forti pressioni idrostatiche?

Sì, perché Supershield non dipende dall’adesione alla superficie del calcestruzzo, ma invece diviene parte integrante della sua massa,  ed è quindi in grado di resistere ad elevate pressioni idrostatiche da entrambi i lati (positivo o negativo ) del calcestruzzo.  Testato in laboratori indipendenti il calcestruzzo trattato con Supershield ha dimostrato di possedere caratteristiche di impermeabilità eccezionali e può sopportare una pressione idrostatica molto maggiore dei campioni di controllo.

Il rivestimento Supershield può essere usato su superfici diverse del calcestruzzo?

Supershield è totalmente compatibile con la chimica del calcestruzzo, sia gettato in luogo, che preformato o proiettato. Non è adatto all’applicazione su calcare, mattoni di argilla, legno, metalli, asfalto o altri materiali da costruzione diversi dal calcestruzzo.

Quanto penetra in profondità nel calcestruzzo la formazione cristallina Supershield?

La reazione chimica di Supershield,  che inizialmente ha luogo alla superficie del calcestruzzo, continua in profondità nella sua struttura . Vari fattori influenzano la quantità e profondità della cristallizzazione entro il calcestruzzo. Alcuni di questi fattori sono: numero delle mani di rivestimento Supershield , composizione del calcestruzzo, densità, porosità, contenuto in cemento, esposizione all’umidità e temperatura.  Test indipendenti hanno misurato una  profondità di penetrazione  nel calcestruzzo di cm. 8 in 25 giorni.

Quanto è resistente il rivestimento Supershield ad agenti chimici aggressivi?

Sulla base di test interni eseguiti in accordo con la norma ASTM C 267-77 “ Resistenza chimica di malte “, il rivestimento Supershield non viene compromesso da una ampia gamma di agenti chimici aggressivi inclusi acidi deboli, solventi, cloruri e materiali caustici. Supershield protegge il calcestruzzo dagli agenti chimici nel range di PH tra 3.0 e 11.0, se in contatto costante, e tra 2.0 e 12.0 se in contatto periodico.

Vernici e altri materiali di finitura possono essere applicati sopra un rivestimento Supershield?

Sì. nella maggioranza dei casi vernici, coperture epossidiche, coperture cementizie, intonaci e stucco possono essere applicati sopra un rivestimento Supershield. Per maggiori informazioni sulla sovrapposizione di vernici e altri materiali di copertura a Supershield, consultate un nostro tecnico.

In che modo il sistema Supershield è diverso da altri rivestimenti per il calcestruzzo ?

Molti rivestimenti per il calcestruzzo sono semplici trattamenti di superficie e sono totalmente dipendenti dal fatto di mantenere un adeguato legame alla superficie del calcestruzzo. Tali rivestimenti generalmente incorporano un agente in lattice che rende la copertura meno permeabile e opera da legante per migliore l’adesione alla superficie. Questi sono solo trattamenti di superficie  e hanno lo svantaggio aggiuntivo di impedire , o quasi, al calcestruzzo di respirare. Essi non formano cristalli nel substrato di calcestruzzo (al contrario di ciò che viene talvolta dichiarato) e non sono efficaci se applicati in presenza di pressione idrostatica forte.

Quali sono i vantaggi dell’applicazione di un rivestimento Supershield in luogo delle membrane?

La natura cristallina del sistema impermeabilizzante Supershield ha molti vantaggi rispetto a tradizionali prodotti di barriera:

– Supershield non richiede una superficie asciutta, è necessaria infatti una superficie umida.

– Supershield non richiede un tempo asciutto per essere applicata

– Supershield non richiede costosi interventi di livellamento e preparazione prima dell’applicazione

– Supershield non è soggetto a foratura e lacerazione o distacco dei punti di giunzione

– Supershield non richiede protezione durante il riempimento o durante il posizionamento di acciaio, rete metallica o altri materiali.

–  Supershield può essere applicato su entrambi i lati di una superficie di calcestruzzo, sia sul lato negativo che sul positivo.

– Supershield non richiede sigillatura, sovrapposizione dei bordi, finitura agli angoli  e tra membrane.

– Supershield è più economico nell’applicazione rispetto ad altri metodi.

Quale è la differenza tra Supershield Crystalguard e Supershield Crystalguard Ultima?

Crystalguard e Crystalguard Ultima hanno una diversa struttura cristallina e quando combinati in un unico sistema i due prodotti si complementano l’uno con l’altro fornendo un alto grado di protezione e durata.

Supershield Crystalguard può essere applicato come rivestimento in due mani?

Sì. Supershield Crystalguard può essere applicato come rivestimento in singola mano o anche meglio in due mani per migliorarne la penetrazione e la performance.

Supershield Crystalguard Ultima può essere applicata come rivestimento in due mani?

No. Supershield Crystalguard Ultima va utilizzato come unica applicazione, oppure come seconda mano in abbinamento con Supershield Crystalguard, ma non deve essere usato da solo come doppia mano di rivestimento.

Tecnologia a base di cristalli

Cosa rende Supershield unico?

Supershield diviene parte integrante della massa  stessa del calcestruzzo. I tradizionali sistemi di barriera si fondano invece sul principio della protezione superficiale del calcestruzzo e sono perciò soggetti a deterioramento causato da esposizione all’ambiente, pressione idrostatica, foratura, delaminazione, erosione chimica e danni durante il riempimento. Supershield è stato sviluppato per eliminare proprio questi problemi. La formula Supershield è basata sulle naturali caratteristiche del calcestruzzo e sulla sua natura porosa e sulla sua chimica propria. Usando l’acqua come catalizzatore, gli agenti chimici di Supershield reagiscono con i sottoprodotti della idratazione cementizia per formare un complesso di cristalli insolubili dentro i pori, i capillari, le micro fessurazioni della massa del calcestruzzo. Supershield rende il calcestruzzo impenetrabile dall’acqua e altri liquidi da ogni direzione, eliminando i problemi normalmente associati con le barriere tradizionali, e nel processo migliora la qualità e la durata delle strutture in cui viene utilizzato.

Quale è la durata nel tempo di Supershield?

Il trattamento Supershield, a differenza di molti altri sistemi, diviene permanentemente parte della matrice di calcestruzzo. La sua speciale proprietà di generare una crescita di cristalli aghiformi non si deteriora nel tempo e il processo di cristallizzazione si riattiva ogni volta che l’acqua entri nuovamente in contatto col calcestruzzo.

Quali sono alcune delle applicazioni tipiche di Supershield?

Tipiche applicazioni di Supershield includono bacini, serbatoi, canalizzazioni di acque di scolo e impianti di trattamento acque, strutture di contenimento, gallerie, pozzetti, condotte in calcestruzzo, fondazioni, piscine, parcheggi interrati e multipino.

Supershield può essere usato in presenza di forti pressioni idrostatiche?

Sì, perché Supershield non dipende dall’adesione alla superficie del calcestruzzo, ma invece diviene parte integrante della sua massa,  ed è quindi in grado di resistere ad elevate pressioni idrostatiche da entrambi i lati (positivo o negativo ) del calcestruzzo.  Testato in laboratori indipendenti il calcestruzzo trattato con Supershield ha dimostrato di possedere caratteristiche di impermeabilità eccezionali e può sopportare una pressione idrostatica molto maggiore dei campioni di controllo.

Supershield protegge i ferri di rinforzo?

Sì. Prevenendo l’ingresso di acqua, acqua salata , acque di scarico e di molti agenti chimici aggressivi Supershield protegge i ferri di armatura contro l’ossidazione e il deterioramento.

Supershield protegge il calcestruzzo da danni da gelo e disgelo?

Sì. Bloccando la penetrazione d’acqua nel calcestruzzo, Supershield  aiuta a proteggere il calcestruzzo dai  danni causati da ripetuti cicli di gelo /disgelo.

Supershield ha effetti deleteri sul calcestruzzo?

No. La formazione cristallina Supershield diviene una parte della matrice stessa del calcestruzzo e non ha effetti deleteri sullo stesso. Anzi, prove in laboratori indipendenti hanno dimostrato che generalmente Supershield accentua la resistenza e la durata delle strutture in calcestruzzo.

Supershield è tossico?

No. Supershield non contiene componenti organici volatili (VOC) e può essere applicato con sicurezza in ambient chiusi. Supershield è approvato  per l’uso in impianti  che contengono acqua potabile o in strutture utilizzate per la produzione di generi alimentari.

In quali forme la tecnologia cristallina Supershield è disponibile?

La tecnologia Cristallina Supershield (DPC) è disponibile in tre forme:

a)      Come sistema di rivestimento (Supershield Crystalguard e Crystalguard Ultima) per  strutture nuove o già esistenti

b)      Come additivo al calcestruzzo (Supershield Admix ) da mescolare  nel calcestruzzo al momento della sua preparazione.

c)       Come materiale asciutto (Supershield Broadcast) per superfici orizzontali in CLS fresco.

Queste tre opzioni sono una risorsa importante nella fase di progettazione delle opere e garantiscono flessibilità nella pianificazione delle loro realizzazione.

Supershield è usato per impermeabilizzare fessurazioni, giunti difettosi o altri difetti del calcestruzzo?

Sì. Supershield possiede un sistema impermeabilizzante che utilizza la sua tecnologia cristallina esclusiva per bloccare flussi d’acqua attraverso  fessure, giunti difettosi e altri difetti del calcestruzzo. Nel caso di giunti di espansione o fratture in movimento cronico, è raccomandato un sigillante flessibile.